Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2307 - Grotta della Breccia

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta della Breccia
Nome principale sloveno
Numero catasto 2307
Numero catasto storico 4739VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Doberdò del Lago
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088152 - Monfalcone-Stazione
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5073942,0
Longitudine Gauss-Boaga 2409106,6
Latitudine WGS-84 45° 48' 35,7115" (45,80991985)
Longitudine WGS-84 13° 34' 21,6119" (13,57266998)
Latitudine UTM WGS-84 5073919,2
Longitudine UTM WGS-84 389101,0
Quota ingresso 49
Data esecuzione posizione 09-02-2015
Affidabilità posizione
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 8x2
Tipo ingresso Caverna
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Tentor Maurizio
Gruppo appartenenza FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 9.1
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 1.3
Dislivello totale 1.3
Quota fondo 47.7
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre nella zona denominata Sablici, a Nord del cosiddetto "solco di Selz", caratterizzata dall'affioramento di una breccia a prevalente contenuto dolomitico, che si presenta relativamente meno carsificabile rispetto alle formazioni calcaree adiacenti.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta si può considerare un fenomeno paracarsico, di dimensioni leggermente superiori rispetto alle altre caverne della zona e, come alcune di queste, anch'essa è stata in parte ampliata artificialmente durante la prima guerra mondiale.
Le pareti e la volta sono minutamente irregolari e non presentano concrezioni; nel lato esterno si trovano dei segni di erosione che fanno supporre che la cavità un tempo avesse dimensioni maggiori delle attuali.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 02-09-1973
Foto
Data dello scatto: 09-02-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Tentor Maurizio

Gruppo di appartenenza: FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante

Data dello scatto: 09-02-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Tentor Maurizio

Gruppo di appartenenza: FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante

Tipo inquadratura: Ingresso

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino