Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2301 - Caverna presso la quota 104

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna presso la quota 104
Nome principale sloveno
Numero catasto 2301
Numero catasto storico 4733VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Doberdò del Lago
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088152 - Monfalcone-Stazione
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5073790,0
Longitudine Gauss-Boaga 2409717,1
Latitudine WGS-84 45° 48' 31,1402" (45,80865005)
Longitudine WGS-84 13° 34' 50,0151" (13,58055975)
Latitudine UTM WGS-84 5073767,2
Longitudine UTM WGS-84 389711,5
Quota ingresso 70
Data esecuzione posizione 19-03-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Artificiale
Dimensione stimata ingresso 1.8x0.7
Tipo ingresso Caverna
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Tentor Maurizio
Gruppo appartenenza FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 16.2
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 0.9
Dislivello totale 0.9
Quota fondo 69.1
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La caverna si apre nel lato Est della Strada Statale N. 55, poco prima dell'incrocio con il "raccordo A" della Strada Statale N. 14.
Descrizione dei vani interni della cavità La caverna è stata adattata ad usi militari durante la prima guerra mondiale e non è possibile dire se è mai stata almeno in parte naturale anche se qualche piccola colata calcitica copre le pareti e dal soffitto pendono in certi tratti alcune piccole stalattiti lunghe qualche centimetro. Essendo scavata in una breccia dolomitica e calcareo-dolomitica, nei periodi piovosi la grotta è caratterizzata da un intenso stillicidio che potrebbe forse spiegare la presenza delle piccole stalattiti di origine piuttosto recente.
Al fondo alla caverna si è formato un piccolo laghetto perenne la cui profondità varia dai 30cm agli 80cm. Oltre il laghetto si apriva un secondo ingresso, chiuso da un muretto di pietre cementate.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 04-06-1973
Foto
Data dello scatto: 19-03-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Tentor Maurizio

Gruppo di appartenenza: FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante

Data dello scatto: 19-03-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Tentor Maurizio

Gruppo di appartenenza: FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante

Tipo inquadratura: Ingresso

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Tipo inquadratura: Ingresso

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Descrizione inquadratura: Ingresso murato