Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 229 - Ciase de lis Aganis

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Ciase de lis Aganis
Nome principale sloveno
Numero catasto 229
Numero catasto storico 115FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Vito d'Asio
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048164 - Vito d’Asio
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5122377,8
Longitudine Gauss-Boaga 2361987,0
Latitudine WGS-84 46° 14' 11,0346" (46,23639851)
Longitudine WGS-84 12° 57' 1,8896" (12,95052488)
Latitudine UTM WGS-84 5122355,0
Longitudine UTM WGS-84 341983,0
Quota ingresso 510
Data esecuzione posizione 11-03-2012
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 5m x 4m
Tipo ingresso Galleria
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Bottoli Costantino
Gruppo appartenenza GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 554
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 40
Dislivello negativo 20
Dislivello totale 60
Quota fondo 490
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre sulle pendici del Monte Pala, a poca distanza da Vito D'Asio (Spilimbergo).
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso della cavità si apre ai piedi di una parete calcarea strapiombante e conduce in una galleria che si interna in direzione Ovest con un percorso in lieve e costante salita, interrotto da un primo laghetto che può venir attraversato senza l'ausilio di un canotto. Proseguendo si sale ancora per qualche metro, per poi ridiscendere sino ad un secondo lago, sul quale la volta incombe molto bassa: questo è infatti il punto più depresso della cavità. Da qui la galleria risale ancora un po', sino al terzo lago e quindi, mentre la volta diventa alta non più di un metro, continua ancora in debole salita per un'ottantina di metri, interrompendosi in corrispondenza di altri tre bacini d'acqua che ostacolano la progressione. Dopo il sesto lago la galleria riprende in discesa, mantenendo più o meno le stesse dimensioni. Attraversati ancora due laghi, il settimo e l'ottavo, si raggiunge il lago sifone che, superato dagli speleosub, si è rivelato lungo una trentina di metri. Oltre il sifone è stata poi esplorata una nuova galleria lunga un centinaio di metri e chiusa da un ulteriore sifone.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-1973
Foto
Data dello scatto: 16-08-2013

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Bottoli Costantino

Gruppo di appartenenza: GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile

Data dello scatto: 16-08-2013

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Bottoli Costantino

Gruppo di appartenenza: GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile

Data dello scatto: 16-08-2013

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Bottoli Costantino

Gruppo di appartenenza: GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile

Tipo inquadratura: Ingresso