Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 228 - Ciondar di Premariacco

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Ciondar di Premariacco
Nome principale sloveno
Numero catasto 228
Numero catasto storico 182FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Premariacco
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067092 - Premariacco
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5101610,0
Longitudine Gauss-Boaga 2396108,0
Latitudine WGS-84 46° 3' 23,8797" (46,05663325)
Longitudine WGS-84 13° 23' 53,8461" (13,39829059)
Latitudine UTM WGS-84 5101587,0
Longitudine UTM WGS-84 376103,1
Quota ingresso 107
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 12
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 3
Dislivello totale 3
Quota fondo 104
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Presso il Ponte di Premariacco, sulla parete rocciosa della sponda destra del Fiume Natisone, si apre una semigrotta (riparo sottoroccia), alla quale si può accedere con un'arrampicata piuttosto difficoltosa.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è scavata nel conglomerato, in un punto in cui questo è interrotto da una lente di ferretto che è facilmente erodibile dall'azione dell'acqua. All'imboccatura, in parte ostruita da massi di frana, la balma è larga una dozzina di metri e alta al massimo 1m. Dopo un percorso orizzontale si apre un pozzo profondo 7m, interrotto a metà da un piccolo ripiano, il cui fondo è ostruito da una fine sabbia calcarea, portata dalle acque di stillicidio che colano abbondanti dalle pareti, e si trova approssimativamente all'altezza del greto del Natisone.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 08-12-1979