Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2216 - Risorgiva 3° nella Valle del Torrente Arzino

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Risorgiva 3° nella Valle del Torrente Arzino
Nome principale sloveno
Numero catasto 2216
Numero catasto storico 1002FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Vito d'Asio
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048123 - La Val
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5126441,1
Longitudine Gauss-Boaga 2361585,8
Latitudine WGS-84 46° 16' 22,26" (46,27285)
Longitudine WGS-84 12° 56' 38,256" (12,94396)
Latitudine UTM WGS-84 5126418,2
Longitudine UTM WGS-84 341581,9
Quota ingresso 354
Data esecuzione posizione 03-07-2016
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1.5 m
Tipo ingresso Galleria
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Fabro David
Gruppo appartenenza FJ - Associazione Speleologica Forum Julii Speleo
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 18
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 2
Dislivello negativo
Dislivello totale 2
Quota fondo 354
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La strada asfaltata interessata è quella che da Anduins porta a Cerdevol costeggiando la profonda forra del torrente Arzino L’ingresso si apre a circa 9 metri in alto dalla sede stradale. precisamente al di sopra di uno scolo artificiale dell’acqua Sono proprio le acque di fuoriusciuta dalla grotta che vengono raccolte e . passando al di sotto della sede stradale. scaricate sul torrente arzino
Vi è ora la presenza di una rete metellica per la caduta dei massi per cui l’ingresso è molto disagevole
dovendo passare senza per la caditoia artificiale 40x25 ai piedi dello scolo dell’acqua Molto pericolosa anche la risalità sul muschio
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta è costituita da una bassa galleria, lunga una ventina di metri, che si sviluppa lungo un giunto di stratificazione. L'unico tratto ad andamento verticale della cavità è rappresentato da un camino alto 5m, impostato su di una frattura subverticale orientata E-W.
Al fondo della galleria sono presenti forme di corrosione irregolari, date da lame dentellate, con spigoli taglienti, alte pochi centimetri.
Sono interessati da fenomeni clastici solo il camino ed il tratto prossimo all'ingresso della grotta.
La cavità è attiva solo in caso di precipitazioni; la portata in piena raggiunge i 2-3 l/sec (osservazione del 23 settembre 1973).
Rilievo Completo - Effettuato in data: 14-01-1973
Foto
Data dello scatto: 03-07-2016

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Fabro David

Gruppo di appartenenza: FJ - Associazione Speleologica Forum Julii Speleo

Data dello scatto: 03-07-2016

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Fabro David

Gruppo di appartenenza: FJ - Associazione Speleologica Forum Julii Speleo