Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2214 - Risorgiva 1° nella Valle del Torrente Arzino

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Risorgiva 1° nella Valle del Torrente Arzino
Nome principale sloveno
Numero catasto 2214
Numero catasto storico 1000FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Vito d'Asio
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048124 - Pielungo
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5126614,9
Longitudine Gauss-Boaga 2361315,8
Latitudine WGS-84 46° 16' 27,66" (46,27435)
Longitudine WGS-84 12° 56' 25,44" (12,9404)
Latitudine UTM WGS-84 5126592,0
Longitudine UTM WGS-84 341311,9
Quota ingresso 346
Data esecuzione posizione 31-12-1999
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1 m
Tipo ingresso Cunicolo
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Fabro David
Gruppo appartenenza FJ - Associazione Speleologica Forum Julii Speleo
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 68
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 14
Dislivello negativo
Dislivello totale 14
Quota fondo 346
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre in una condotta artificiale ricavata al di sotto della sede stradale per regolare il deflusso delle acque, a breve distanza dal ponte a quota 346.
Descrizione dei vani interni della cavità Presenta uno sviluppo suborizzontale, con gallerie impostate su giunti di stratificazione e fratture o faglie inclinate.
Le gallerie hanno in genere una morfologia a condotta forzata, con una sezione a "fessura"; in alcuni tratti il fondo della condotta è inciso da un solco gravitazionale poco sviluppato in profondità. Al fondo e sulle pareti delle gallerie sono frequentemente presenti piccole forme di corrosione del tipo "fliessfacetten" (Bögli A. 1960).
I fenomeni clastici e di concrezionamento calcitico sono rari e limitati ad alcune gallerie laterali ed al vano finale della cavità.
Al fondo dell'ultima caverna si trovano due profondi laghi, il livello dei quali - nel gennaio 1973 - raggiungeva una quota di 10m superiore a quella dell'ingresso.
La grotta funge da risorgiva con portate in magra molto ridotte (pochi litri all'ora); una misura di portata in piena, effettuata il 23/09/1973 ha dato un valore di circa 20 l/sec.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 14-01-1973
Foto
Data dello scatto: 03-07-2016

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Fabro David

Gruppo di appartenenza: FJ - Associazione Speleologica Forum Julii Speleo

Descrizione inquadratura: Ingresso
Data dello scatto: 03-07-2016

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Fabro David

Gruppo di appartenenza: FJ - Associazione Speleologica Forum Julii Speleo

Descrizione inquadratura: Targhetta con numero identificativo