Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2176 - Grotta a N del Casello ferroviario di Fernetti

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta a N del Casello ferroviario di Fernetti
Nome principale sloveno
Numero catasto 2176
Numero catasto storico 4681VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5061041,0
Longitudine Gauss-Boaga 2428157,0
Latitudine WGS-84 45° 41' 47,8497" (45,69662493)
Longitudine WGS-84 13° 49' 12,8755" (13,82024319)
Latitudine UTM WGS-84 5061018,1
Longitudine UTM WGS-84 408150,9
Quota ingresso 320
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 12
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 68
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 58
Dislivello totale 58
Quota fondo 262
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova al centro di un prato non molto distante dall'Abisso Battelini (1497/4401VG).
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'accesso, reso accessibile con un breve lavoro di scavo, è interrotto a 5m di profondità da un piccolo ripiano molto inclinato ed ha la base costituita da un accumulo di massi instabili. Verso Nord si apre uno stretto passaggio che porta nel secondo pozzo, il quale nel tratto inferiore è abbastanza ampio; il fondo è costituito da materiale detritico e di crollo e non presenta alcuna possibilità di prosecuzione. Un passaggio verso Nord (punto 7 nel rilievo) immette in una galleria abbastanza ampia, che prosegue in leggera salita per 5m per poi piegare verso Ovest, la cui volta si innalza in un ampio camino dal quale, per un sistema di cenge, è possibile giungere sulla parete Sud del pozzo di 25m.
La galleria prosegue allargandosi in una cavernetta di 8m x 4m, completamente concrezionata, la cui parte terminale è occupata da una vaschetta d'acqua limpidissima; dal margine di tale vaschetta scende un ulteriore vano sottostante, il quale porta ad un pozzetto strettissimo che termina dopo pochi metri (punti 11 e 12).
Dalla base del pozzo di 25m (punto 6) uno stretto pertugio aprentesi sulla parete Est (punto A) conduce con un percorso di 6m in una stretta frattura, interrotta a 2m da un piccolo pozzo di 4m (punto 13). Al termine della galleria (punto 14) scende un pozzo di 8,5m, abbastanza agevole, dalla cui base (punto 15), dopo una strettoia, scende un altro pozzo, profondo 10m, il quale si allarga a campana ed è interrotto da un ponte naturale e da un ripiano e quindi scende fino alla massima profondità della grotta (punto 18); alla base del pozzo finale, costituita da materiale detritico e di crollo, verso Nord, una stretta fessura preclude ogni via di prosecuzione.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 28-11-1971