Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2175 - Grotta del Mare

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta del Mare
Nome principale sloveno
Numero catasto 2175
Numero catasto storico 4680VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 109043 - Duino
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5069550,0
Longitudine Gauss-Boaga 2412468,0
Latitudine WGS-84 45° 46' 15,3584" (45,77093288)
Longitudine WGS-84 13° 37' 0,8281" (13,61689669)
Latitudine UTM WGS-84 5069527,2
Longitudine UTM WGS-84 392462,3
Quota ingresso 29
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 16.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 23
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 29
Dislivello totale 29
Quota fondo 0
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre una decina di metri ad Est di un caratteristico spuntone di roccia stretto ed allungato, che si erge per circa 35m a picco sul mare e si eleva sul versante a Nord di circa 7m dal tratto di costa adiacente.
Descrizione dei vani interni della cavità A 7m di profondità il pozzo iniziale viene diviso in due parti da un ripiano a Nord del quale si apre una piccola caverna, ornata da abbondanti concrezioni. Il pozzo sbocca quindi in un concamerato di 4m per 4,5m; la base della parte Sud della caverna, che formava la continuazione della cavità, è costituita da massi crollati dal soffitto, tra i quali si aprono due pozzetti ciechi di 2m e 3m rispettivamente. A NW venne allargato un cunicolo lungo 3,5m che termina con una fessura impraticabile, discendente.
Nel centro della parte settentrionale della caverna, sormontato da macigni uniti da uno spesso strato di calcite, uno stretto pertugio dal quale esce una sensibile corrente d'aria, reso accessibile dopo un lungo e faticoso lavoro di scavo, conduce ulteriormente in profondità.
Sulle pareti della caverna iscrizioni indicano precedenti esplorazioni di questo tratto della grotta.
Nel soffitto un ampio camino si ricongiunge con il pozzo principale, a pochi metri dall'ingresso. Oltre la strettoia un pozzo di 5m porta ad un restringimento dietro al quale si apre una piccola caverna. Un piano inclinato, un'ulteriore strettoia ed un pozzo di 2,5m, conducono ad un ripiano che si trova a 4m di altezza sul mare. Verso Nord, oltre una fenditura impraticabile, si intravede una caverna di notevoli dimensioni; in un'altra nicchia nidificano numerosi piccioni selvatici.
Un ultimo pozzo di 3,30m porta all'apertura sul mare, ricoperta da ciottoli che con l'alta marea vengono sommersi dall'acqua.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 21-08-1971