Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2166 - Pozzo del Monte Musi

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo del Monte Musi
Nome principale sloveno
Numero catasto 2166
Numero catasto storico 999FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049081 - Monte Musi
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5131983,0
Longitudine Gauss-Boaga 2390205,0
Latitudine WGS-84 46° 19' 43,5904" (46,3287751)
Longitudine WGS-84 13° 18' 49,2471" (13,31367976)
Latitudine UTM WGS-84 5131959,5
Longitudine UTM WGS-84 370200,7
Quota ingresso 1520
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 50
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 25
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 60
Dislivello totale 60
Quota fondo 1460
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre al limite dell'altipiano del Monte Musi, dove ha inizio un bosco che digrada ripido verso il Passo Carnizza, sulla sommità di un canale di trasfluenza perfettamente mascherato dalla folta vegetazione.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è impostata su di una frattura avente direzione 160°-340° e mantiene la larghezza di 2m fino alla massima profondità. Sul fondo grossi accumuli di neve e ghiaccio fossili occludono possibili prosecuzioni. A varie profondità vi sono alcuni sviluppi verticali che fungono da canali di drenaggio, i quali peraltro, date le ridotte dimensioni, offrono scarse possibilità di dar adito a delle prosecuzioni. Le pareti presentano un'instabilità litologica in seguito alle fratturazioni dovute alla gelifrazione.
Rilievo Sezione - Effettuato in data: 31-08-1992