Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2134 - La Camugna

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale La Camugna
Nome principale sloveno
Numero catasto 2134
Numero catasto storico 437FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune San Pietro al Natisone
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067074 - Crostù
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5109123,0
Longitudine Gauss-Boaga 2405104,0
Latitudine WGS-84 46° 7' 32,8687" (46,12579687)
Longitudine WGS-84 13° 30' 45,8316" (13,512731)
Latitudine UTM WGS-84 5109099,7
Longitudine UTM WGS-84 385099,1
Quota ingresso 328
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 27
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 66.3
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 34.2
Dislivello totale 34.2
Quota fondo 293.8
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova a circa 130m -320°- dalla baita situata a quota 344, nell'ampio canalone che inizia da quella stessa quota. L'ingresso si apre sul fondo di uno sprofondamento doliniforme, molto accentuato, sotto una parete strapiombante che lo delimita verso Est.
Descrizione dei vani interni della cavità Originariamente l'apertura era occultata da massi e detriti, ma una lieve corrente d'aria indusse a scavare ed a disostruire l'accesso alla grotta. La prima parte è formata da un vasto pozzo a campana, profondo in totale 27m. Sul fondo, cosparso da molto materiale detritico scorre un torrentello le cui acque si immettono in un altro piccolo sifone. Alla fine della galleria principale, la quale termina in salita con un dislivello positivo di 5,4m, una stretta apertura ed un piccolo budello portano ad un pozzetto. Qui riappare l'acqua, che nel suo scorrere ha scavato tre piccole vaschette a marmitta, molto basse e ben presto la volta si abbassa sino a raggiungere il pelo dell'acqua. Sia per la ristrettezza del piccolo budello, sia per la presenza delle acque che lo vengono ad occupare interamente, non si può proseguire alcuna ricerca.
Ritornando al pozzo iniziale, nei pressi del sifone che alimenta il torrentello, si apre una fessura che porta ad una sala molto sviluppata in altezza, praticamente un camino doppio. Esso raggiunge quasi la superficie ed il materiale clastico sul fondo fa presupporre che ben presto esso si aprirà alla superficie.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 19-03-1972