Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2127 - Grotta di Cepletischis

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta di Cepletischis
Nome principale sloveno
Numero catasto 2127
Numero catasto storico 970FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Savogna
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067044 - Topolò
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5115842,0
Longitudine Gauss-Boaga 2410820,0
Latitudine WGS-84 46° 11' 13,8724" (46,18718679)
Longitudine WGS-84 13° 35' 6,5272" (13,58514644)
Latitudine UTM WGS-84 5115818,5
Longitudine UTM WGS-84 390815,1
Quota ingresso 535
Data esecuzione posizione 11-04-2009
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 2m x 3,5m
Tipo ingresso Galleria
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Bosco Fabrizio
Gruppo appartenenza GS VALLI - Gruppo Speleologico Valli del Natisone
Autore posizione Stocker Ugo
Gruppo appartenenza SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 234
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 23
Dislivello negativo 5
Dislivello totale 28
Quota fondo 530
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre sulla sponda destra del Torrente Rieca. Seguendo la strada che da Cepletischis porta in Slovenia, oltrepassate le poche case di Polava, si incontra sulla destra una costruzione doganale abbandonata. Pochi metri prima della costruzione, sulla sinistra, è ben visibile il piccolo ingresso della 6309/3652Fr. Dalla costruzione si scende il ripido pendio che porta al torrente sottostante e si segue il letto del torrente verso valle per 140 metri. L'ingresso della grotta, simile ad una caverna, è diviso in due da un ponte di roccia.



Descrizione dei vani interni della cavità La grotta inizia con una caverna dal suolo cosparso di detriti e materiale clastico. Sul fondo un breve cunicolo discendente dà inizio alla parte più interessante della cavità: l'aspetto è quello di una galleria ove la volta raggiunge, in alcuni punti l'altezza di 2m, in altri di appena 60cm. Anche la larghezza varia: da 2m ad 1m. Sul fondo vi sono argille, limo, rare ghiaie, ma soprattutto un certo ristagno d'acqua e nei periodi di pioggia e di piena del torrente, l'acqua raggiunge la volta della galleria in vari punti: evidenti sono i segni del limo e dell'erosione dell'acqua. Dopo questa prima parte, la galleria compie una brusca svolta verso Nord ed inizia a salire. La pendenza è abbastanza accentuata ed il fondo, formato da roccia compatta, è ricoperto da calcite e da rare concrezioni costituite da stalagmiti basse e tozze. Dopo circa 40m scende un piccolo pozzetto in frattura e ben presto si raggiunge il massimo dislivello positivo (+23m). Qui inizia una leggera discesa e la volta si abbassa di molto, aumenta il materiale clastico e si ritrovano depositi di argille e fango, che rendono difficoltoso il proseguimento. Al termine della galleria, sotto un masso, si apre l'imbocco del pozzo finale, molto ampio, e perciò in netto contrasto con tutto il complesso. Unico denominatore comune è l'argilla che qui ricopre quasi interamente la parete non completamente verticale lungo la quale si discende. Il fondo è occupato da blocchi di frana e dall'acqua che forma un laghetto limpidissimo.
Varie fessure sommerse potrebbero portare ad un probabile proseguimento, ma l'assenza del rumore di acque correnti fa dubitare del eventuale successo. La profondità in questo punto è solo di pochi metri inferiore alla quota d'ingresso della cavità.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 11-06-1972
Foto
Data dello scatto: 03-01-2013

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Balutto Alceo

Gruppo di appartenenza: GS VALLI - Gruppo Speleologico Valli del Natisone

Data dello scatto: 03-01-2013

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Balutto Alceo

Gruppo di appartenenza: GS VALLI - Gruppo Speleologico Valli del Natisone

Tipo inquadratura: Ingresso