Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 210 - Grotta presso Villa Opicina

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso Villa Opicina
Nome principale sloveno
Numero catasto 210
Numero catasto storico 156VG
Numero totale ingressi 3

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5061260,0
Longitudine Gauss-Boaga 2427387,0
Latitudine WGS-84 45° 41' 54,5756" (45,69849322)
Longitudine WGS-84 13° 48' 37,1285" (13,81031348)
Latitudine UTM WGS-84 5061237,1
Longitudine UTM WGS-84 407380,9
Quota ingresso 305
Data esecuzione posizione 27-01-2004
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 10
Autore posizione Polli Elio
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 25
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 15.5
Dislivello totale 15.5
Quota fondo 289.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova sul fondo di una vasta dolina dirupata circondata da una fitta pineta che segna il limite del confine del Comune di Trieste.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta è formata da tre vani paralleli collegati da brevi passaggi. Le volte dei vani sono crollate e dalle ampie aperture la luce penetra a rischiarare praticamente tutta la cavità che si chiude con depositi di argilla. Solo nella parte più profonda vi sono modeste incrostazioni calcitiche, mentre negli altri ambienti le pareti sono di roccia nuda e frastagliata.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 11-08-1998