Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2095 - Grotta a SE del Monte Poviz

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta a SE del Monte Poviz
Nome principale sloveno
Numero catasto 2095
Numero catasto storico 938FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050021 - Sella Nevea
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5137409,0
Longitudine Gauss-Boaga 2404096,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 48,3847" (46,38010687)
Longitudine WGS-84 13° 29' 33,8544" (13,49273733)
Latitudine UTM WGS-84 5137385,2
Longitudine UTM WGS-84 384091,6
Quota ingresso 1900
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 10
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 28
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 30
Dislivello totale 30
Quota fondo 1870
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso, parzialmente ostruito in superficie, si apre lateralmente al sentiero che porta a Sella Rombon e precisamente sulla destra, alla fine dei tornanti segnanti la fonte artificiale, a qualche decina di metri dal sentiero sotto le pareti rocciose che degradano dall'altipiano di Pala Celar.
Descrizione dei vani interni della cavità Una modesta apertura immette nel primo pozzo che, dopo dieci metri, termina su di un breve ripiano ingombro di detriti rocciosi; da una cavernetta circolare parte un breve corridoio in ascesa che sbocca nel terzo pozzo che scende, fortemente eroso e corroso dall'acqua, tra lame pericolanti. Un solco incavato dall'acqua conduce in un'ulteriore vano abbastanza vasto che non dà adito a prosecuzioni attendibili.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-08-1971