Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 202 - Grotta dei Cacciatori

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta dei Cacciatori
Nome principale sloveno
Numero catasto 202
Numero catasto storico 97VG
Numero totale ingressi 3

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 109041 - Malchina
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5070190,0
Longitudine Gauss-Boaga 2415842,0
Latitudine WGS-84 45° 46' 37,9493" (45,77720815)
Longitudine WGS-84 13° 39' 36,5073" (13,66014091)
Latitudine UTM WGS-84 5070167,2
Longitudine UTM WGS-84 395836,2
Quota ingresso 184
Data esecuzione posizione 31-08-2000
Affidabilità posizione 2° gruppo riposizionamento regionale GPS (2000)
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 12
Autore posizione Manzoni Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 90
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 45
Dislivello totale 45
Quota fondo 139
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità Questa è una delle più imponenti cavità del Carso triestino e il suo ingresso, diviso in tre bocche da due ponti naturali, misura quasi 30m di lunghezza.
La discesa dal lato orientale è possibile senza l'uso di attrezzatura grazie ad alcune esili cornici rocciose che sono però molto esposte sul vuoto sottostante; si giunge alla sommità di una grande china detritica che scende ad Est in una breve galleria concrezionata con una cavernetta laterale, mentre nella direzione opposta il pendio, molto ripido, porta sotto agli altri ingressi, dai quali entra abbondante la luce esterna a rischiarare l'ambiente pittoresco e grandioso creato dalle pareti muscose e dalle volte scabre. Nell'ultima parte della grotta l'accumulo dei massi di crollo ha quasi ostruito la galleria e ci si deve insinuare tra i blocchi per percorrere l'ultimo tratto basso; questo porta ad una strettoia e ad un piccolo salto dove alcune strette fessure impediscono la prosecuzione.

NOTA:
questa cavità è stata catastata successivamente anche con il numero 1032VG che deve ritenersi pertanto annullato.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 25-01-1966
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Descrizione inquadratura: 2° ingresso