Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1974 - Pozzo delle Frane

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo delle Frane
Nome principale sloveno
Numero catasto 1974
Numero catasto storico 4670VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5059325,9
Longitudine Gauss-Boaga 2428159,1
Latitudine WGS-84 45° 40' 52,2875" (45,68119098)
Longitudine WGS-84 13° 49' 14,1414" (13,82059484)
Latitudine UTM WGS-84 5059303,0
Longitudine UTM WGS-84 408153,0
Quota ingresso 326
Data esecuzione posizione 04-01-2013
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1,1 x 0,4
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 16
Autore posizione Benedetti Gianni
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 9
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 33.5
Dislivello totale 33.5
Quota fondo 292.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso della grotta si apre sul versante Est di una piccola dolina, ostruita quasi completamente da arbusti e rovi, a poche decine di metri dall'oleodotto.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo è impostato su una stretta frattura con orientamento NW-SE.
Il primo pozzo, profondo 16m è molto stretto e, dopo una strettoia, un piccolo vano (3m x 60cm) conduce tramite un'altra strettoia, ancor più malagevole della precedente, al pozzo di 12,5m, anch'esso stretto. Un ulteriore salto di 3m porta infine al fondo del pozzo, pianeggiante e composto da pietre e massi in gran parte caduti dall'alto.
L'intera cavità è interessata da un'intensa corrosione delle pareti che, in alcuni punti, sono costituite da massi di crollo cementati in parte da depositi di argilla.
Nel complesso la visita al pozzo è resa pericolosa dalle numerose pietre instabili che si incontrano sulle pareti dei pozzi.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 10-10-1971
Foto
Data dello scatto: 04-01-2013

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 04-01-2013

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Descrizione inquadratura: Panoramica ingresso
Data dello scatto: 04-01-2013

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi