Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1969 - Meandro del Plucia

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Meandro del Plucia
Nome principale sloveno
Numero catasto 1969
Numero catasto storico 816FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050024 - Stretti
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5137605,0
Longitudine Gauss-Boaga 2400350,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 52,3861" (46,38121837)
Longitudine WGS-84 13° 26' 38,3763" (13,44399343)
Latitudine UTM WGS-84 5137581,3
Longitudine UTM WGS-84 380345,6
Quota ingresso 1761
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 575
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 255
Dislivello totale 255
Quota fondo 1506
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Appartenente al complesso Complesso del Col delle Erbe
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso del meandro si apre alla base di una parete strapiombante che si trova sulla destra, scendendo dal Col delle Erbe verso Casere Goriuda, lungo il canalone del Foran del Muss.
Per raggiungere la cavità bisogna scendere una ripida paretina digradante dal Col delle Erbe tenendo la mano destra, fino a raggiungere un piccolo pianoro morenico dove ci si trova davanti ad un'alta paretina, che si supera tenendosi sulla sinistra; si arriva quindi su di un secondo pianoro, ingombro di tronchi trasportati dalle slavine, dove si notano numerosi imbuti assorbenti le acque di disgelo. Proseguendo ancora per una cinquantina di metri, sulla parete destra si nota una larga e lunga spaccatura, alla cui base si apre l'ingresso della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità NOTA:
COMPLESSO DEL COL DELLE ERBE, GROTTE COLLEGATE: 1487,1463, 1471, 1969, 2378, 4380, 7113, 7117, 2588, 4371, 2967, 2969, 5591, 2598
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-07-1983