Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1936 - Grotta presso la 4022 VG

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso la 4022 VG
Nome principale sloveno
Numero catasto 1936
Numero catasto storico 4656VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5059524,9
Longitudine Gauss-Boaga 2428076,1
Latitudine WGS-84 45° 40' 58,6947" (45,68297076)
Longitudine WGS-84 13° 49' 10,1698" (13,8194916)
Latitudine UTM WGS-84 5059502,0
Longitudine UTM WGS-84 408070,0
Quota ingresso 316
Data esecuzione posizione 15-03-2014
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1,5 x 0,4 m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 8.6
Autore posizione Benedetti Gianni
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 51
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 30.5
Dislivello totale 30.5
Quota fondo 285.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Il pozzo d'accesso della cavità si apre sul ripido pendio di una vasta dolina, nei pressi del sentiero che attraversa la piana di Banne verso la ex discarica comunale di Trebiciano, nella stessa dolina in cui si apre il Pozzo a Nord di Trebiciano (886/4022VG).
Descrizione dei vani interni della cavità Originariamente l'ingresso era impraticabile ed alla base del pozzo iniziale l'esplorazione venne fermata da un'ostruzione detritica.
Un ampio pozzo di 21,6m conduce ad un tortuoso meandro, nel quale il fondo non è facilmente individuabile in quanto accidentato da numerose fenditure e da accumuli di materiale franato. All'estremità Sud (punto 9 del rilievo), oltre un ampio ponte naturale, scende un pozzo di 6m che porta allo stesso livello al quale giunge il pozzo di 21,6m.

NOTA:
la visita a questa cavità è resa pericolosa dalla presenza di pietre instabili lungo lo sviluppo di tutti pozzi, in special modo del primo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 04-04-1971
Foto
Data dello scatto: 15-03-2014

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 15-03-2014

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 15-03-2014

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi