Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1900 - Abisso Kamikaze

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Kamikaze
Nome principale sloveno
Numero catasto 1900
Numero catasto storico 4620VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110063 - Borgo Grotta Gigante
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5061636,0
Longitudine Gauss-Boaga 2425505,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 5,8418" (45,70162273)
Longitudine WGS-84 13° 47' 9,8592" (13,78607199)
Latitudine UTM WGS-84 5061613,2
Longitudine UTM WGS-84 405498,9
Quota ingresso 297
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 8.8
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 50
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 139
Dislivello totale 139
Quota fondo 158
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'abisso si trova al margine di un terreno prativo delimitato da un muricciolo a secco. Ad una cinquantina di metri verso NW si trova il Pozzetto ad E di Borgo Grotta Gigante (1187/4087VG), il quale si apre sul fianco di una piccola dolina, a 24m dal pilone dell'ENEL TN5 N.686; la dolina nel 1985 era in parte già sventrata dai lavori di costruzione dell'autostrada e quindi è probabile che l'ingresso del pozzetto sia ostruito.
Descrizione dei vani interni della cavità A differenza degli altri abissi scoperti nell'ultimo dopoguerra, questa cavità non richiese la disostruzione o il forzamento dell'imbocco, il quale dev'essersi aperto spontaneamente in epoca alquanto recente ed al momento della scoperta era coperto soltanto da una grossa
pietra.
L'abisso con il suo sviluppo quasi esclusivamente verticale rappresenta un caso abbastanza tipico sull'altopiano carsico ed ha le stesse caratteristiche strutturali del Pozzo Covacich (285/846VG), dell'Abisso Colognatti (746/3914VG) e di altre cavità sul Carso triestino.
Al notevole concrezionamento dei due pozzi iniziali e della caverna alla profondità di 43m, fa seguito un progressivo accentuarsi delle forme corrosive, in pieno ciclo di evoluzione e stupendamente evidenti nei pozzi che giungono alla profondità di 94m, nelle due diverse diramazioni della cavità. E' interessante osservare come la continuità degli ambienti sotterranei si è instaurata in qualche punto attraverso l'unione di fratture diversamente orientate o con l'ampliarsi di vani contigui, in origine separati; si tratta di un complesso di fratture notevole in quanto isolato, in una zona scarsamente interessata dal carsismo ipogeo. Va rilevato ancora che tutti i vani erano un tempo ugualmente concrezionati, come si deduce da pochi residui di spessi crostoni visibili sulle pareti ora corrose; al distacco del rivestimento calcitico si deve forse l'ostruzione di qualche passaggio che portava ad una maggiore profondità.
Nelle strettoie del ramo più profondo si avverte talvolta una sensibile corrente d'aria in uscita, mentre all'imbocco della cavità tale fenomeno non si nota; si tratta infatti di una curiosa circolazione interna, per cui l'aria piove letteralmente da alcuni camini molto alti, per risalire attraverso altre vie.
L'accesso all'ultimo pozzo era costituito da una lunga fessura verticale ed impraticabile; il lavoro di allargamento è stato eseguito in condizioni assai difficili, al limite delle umane possibilità.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 30-11-1970
Foto
Data dello scatto: 07-04-2013

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Miglia Andrea

Gruppo di appartenenza: FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante

Descrizione inquadratura: L'ingresso è parzialmente coperto da arbusti