Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 188 - Grotta sotto il Monte Cocusso

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta sotto il Monte Cocusso
Nome principale sloveno
Numero catasto 188
Numero catasto storico 30VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110151 - Grozzana
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5055177,9
Longitudine Gauss-Boaga 2432466,3
Latitudine WGS-84 45° 38' 39,9122" (45,64442005)
Longitudine WGS-84 13° 52' 35,8926" (13,87663683)
Latitudine UTM WGS-84 5055155,0
Longitudine UTM WGS-84 412460,0
Quota ingresso 401
Data esecuzione posizione 10-10-2010
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 3.8
Autore posizione Zidarich Omar
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 36
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 11
Dislivello totale 11
Quota fondo 390
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è composta da due caverne separate da una barriera calcitica nella quale si aprono due passaggi. Superato con facilità il piccolo pozzo d'accesso si giunge in un vano completamente illuminato, dalle pareti ricoperte da muschi; un breve salto porta nella seconda caverna che ha una struttura complessa, nella quale gruppi stalagmitici e colonnari creano nicchie ed anfratti dove le concrezioni meno massiccie hanno subito una vera e propria devastazione.

NOTA: il primo rilevatore risulta essere Eugenio Boegan.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 19-10-1966