Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1847 - Pozzo presso il Cippo Corridoni

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo presso il Cippo Corridoni
Nome principale sloveno
Numero catasto 1847
Numero catasto storico 4586VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Sagrado
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088113 - Cippo Corridoni
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5079885,0
Longitudine Gauss-Boaga 2404692,0
Latitudine WGS-84 45° 51' 45,6067" (45,86266853)
Longitudine WGS-84 13° 30' 52,0223" (13,51445065)
Latitudine UTM WGS-84 5079862,2
Longitudine UTM WGS-84 384686,6
Quota ingresso 114
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 11.5
Autore posizione Non specificato
Gruppo appartenenza TALPE - Jamarski klub Kraški krti/Gruppo Speleologico Talpe del Carso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 7
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 11.5
Dislivello totale 11.5
Quota fondo 102.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Per raggiungere la cavità si percorre la strada asfaltata che da S. Martino porta a Sagrado finchè si nota sulla destra una strada in terra battuta, abbastanza larga; percorsi circa 400m si deve abbandonare la strada: l'imbocco del pozzo si apre sulla sinistra, dopo una cinquantina di metri, in un terreno brullo e sassoso.
Descrizione dei vani interni della cavità Tra i detriti del fondo della cavità, che nel complesso è abbastanza asciutta, si apre una piccola apertura che potrebbe portare ad un proseguimento del pozzo; le pareti sono rivestite da un crostello calcitico di 4-5cm di spessore e sul fondo, costituito da detriti ed argilla, vi sono delle concrezioni a forma di piccoli globi.
Nel pozzo sono state trovati degli esemplari morti di alcune specie di gasteropodi, la cui conchiglia raggiungeva la lunghezza di 2cm.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 01-05-1969