Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1840 - Grotta presso il Monte S. Paolo

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso il Monte S. Paolo
Nome principale sloveno
Numero catasto 1840
Numero catasto storico 4579VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110052 - Prosecco
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5063776,8
Longitudine Gauss-Boaga 2419980,9
Latitudine WGS-84 45° 43' 12,4007" (45,72011131)
Longitudine WGS-84 13° 42' 52,8816" (13,71468934)
Latitudine UTM WGS-84 5063754,0
Longitudine UTM WGS-84 399975,0
Quota ingresso 248
Data esecuzione posizione 10-04-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 3
Autore posizione Potleca Michele
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 55
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 14.3
Dislivello totale 14.3
Quota fondo 233.7
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta è raggiungibile seguendo il sentiero N. 6 che dal bivio per il Monte San Primo porta alla strada per Santa Croce ed Aurisina: la cavità si apre dopo circa 100m, alla prima curva del sentiero, 10m a destra, in un campo solcato semicoperto. Ad una ventina di metri da essa si apre la Grotta presso il Monte San Paolo (1754/4567VG), tuttavia tra le due cavità, almeno apparentemente, non vi è alcuna comunicazione.
Descrizione dei vani interni della cavità Originariamente il pozzetto iniziale dovette esser disostruito e venne allargata anche una sottostante strettoia, la quale immette in un tortuoso salto verticale che sbocca in una caverna molto concrezionata; a destra (punto 4 nel rilievo) l'allargamento di una strettoia ha dato adito ad una saletta e poi un'altra strettoia conduce in una saletta bassissima che è raggiungibile più agevolmente per un'altra via. Il ramo principale è interrotto da una depressione (punto 6), profonda 1,5m, oltre la quale vi è un'altra depressione dal cui fondo si sviluppa una galleria; questa continua con uno scivolo (punto 10), alla sommità del quale si trova una bassa saletta.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 02-01-1970
Foto
Data dello scatto: 10-04-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Potleca Michele

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Descrizione inquadratura: L'ingresso ostruito è indicato dalla freccia
Data dello scatto: 10-04-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Potleca Michele

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi