Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1836 - Grotta ad E di S. Martino del Carso

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta ad E di S. Martino del Carso
Nome principale sloveno
Numero catasto 1836
Numero catasto storico 4575VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Sagrado
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088111 - San Michele del Carso
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5081514,0
Longitudine Gauss-Boaga 2406860,0
Latitudine WGS-84 45° 52' 39,6651" (45,87768474)
Longitudine WGS-84 13° 32' 31,1559" (13,54198775)
Latitudine UTM WGS-84 5081491,1
Longitudine UTM WGS-84 386854,6
Quota ingresso 192
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 11.2
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 16.2
Dislivello totale 16.2
Quota fondo 175.8
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre con un'imboccatura molto stretta, seminascosta dalla fitta vegetazione, ad Est di San Martino del Carso.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta è stata scoperta da speleologi del Gruppo Speleologico Monfalconese "Oscar Miniussi", i quali impiegarono qualche giornata di lavoro per disostruire da detriti alcuni passaggi. Una serie di brevi pozzi, separati da ripiani coperti da sfasciume calcareo, conduce alla parte terminale della cavità, complicata da vari ponti naturali situati a diverse altezze; nella saletta finale, tra i detriti del fondo si intravede un probabile ma inaccessibile proseguimento.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 30-11-1969