Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1835 - Grotta a NE del Monte Belvedere

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta a NE del Monte Belvedere
Nome principale sloveno
Numero catasto 1835
Numero catasto storico 4574VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5059611,0
Longitudine Gauss-Boaga 2427768,0
Latitudine WGS-84 45° 41' 1,3383" (45,68370507)
Longitudine WGS-84 13° 48' 55,8692" (13,81551923)
Latitudine UTM WGS-84 5059588,2
Longitudine UTM WGS-84 407761,9
Quota ingresso 323
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2.2
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 79
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 43.3
Dislivello totale 43.3
Quota fondo 279.7
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta No
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile Si
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Aggiornamento GTS 2014: la grotta non si trova nel prato in corrispondenza della posizione inserita nella scheda catastale.
Descrizione dei vani interni della cavità Nel corso dello scavo della trincea scavata per la posa dei tubi del metanodotto venne improvvisamente in luce l'imbocco di questa suggestiva cavità, ora definitivamente inaccessibile.
La grotta è in pratica un'unica grande caverna del volume non inferiore agli 8000 metri cubi, accessibile tramite due pozzi ; al momento della scoperta la grotta era adorna di numerose esili stalagmiti di grande bellezza, sorte su un accumulo di massi di frana coperti da incrostazioni calcitiche. Prima che l'ingresso venisse nuovamente ostruito, molte di queste formazioni sono state segate ad asportate.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 02-11-1969