Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1832 - Grotta della Galleria

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta della Galleria
Nome principale sloveno
Numero catasto 1832
Numero catasto storico 4571VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 109044 - San Giovanni al Timavo
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5072223,0
Longitudine Gauss-Boaga 2410182,0
Latitudine WGS-84 45° 47' 40,6488" (45,79462468)
Longitudine WGS-84 13° 35' 12,8311" (13,58689753)
Latitudine UTM WGS-84 5072200,2
Longitudine UTM WGS-84 390176,4
Quota ingresso 36
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 18
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 33
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 22
Dislivello totale 22
Quota fondo 14
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta Si
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso della grotta, ora distrutta, era delimitato da una cordonata in cemento e si apriva a poca distanza dalla strada per Gorizia.
Descrizione dei vani interni della cavità Durante la costruzione della Strada Statale N. 202, per superare uno sperone roccioso presso il Torrente Locavaz venne scavata una galleria che portò al fondo di questa cavità naturale; il pozzo d'accesso scendeva fino ad una china fangosa che portava in una caverna disadorna, quasi interamente occupata da una piatta cupola in calcestruzzo armato.
Il manufatto rappresentava la volta della galleria ed alcuni pertugi posti ai margini della gettata servivano all' areazione del traforo.
Con il prolungamento dell'autostrada e lo scavo a giorno di questo tratto, la cavità venne distrutta.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 18-01-1970