Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 183 - Voragine di Ta na Gabrice

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Voragine di Ta na Gabrice
Nome principale sloveno
Numero catasto 183
Numero catasto storico 42FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Cividale del Friuli
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067064 - Torreano
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5109318,0
Longitudine Gauss-Boaga 2400557,0
Latitudine WGS-84 46° 7' 36,376" (46,1267711)
Longitudine WGS-84 13° 27' 13,8536" (13,45384823)
Latitudine UTM WGS-84 5109294,7
Longitudine UTM WGS-84 380552,2
Quota ingresso 445
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 22
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 25
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 36
Dislivello totale 36
Quota fondo 409
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità è un caratteristico inghiottitoio, tutt'ora attivo, e riceve le acque meteoriche di una parte del versante Nord del Monte dei Bovi. Si apre a mezza costa, sopra la nuova cava di Vernasso.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'accesso, largo oltre 4m e profondo 22m, conduce in una galleria che sbocca su di un saltino oltre il quale essa continua ancora per qualche metro. Al termine una stretta fessura dà accesso ad un pozzo non molto largo, diviso più avanti da un ponte naturale; scendendo dalla parte più larga, l'unica transitabile, si giunge in una cavernetta, con il suolo detritico in discesa.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 16-08-1958