Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 178 - Voragine Bog Vari

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Voragine Bog Vari
Nome principale sloveno
Numero catasto 178
Numero catasto storico 67FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Nimis
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049164 - Chialminis
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5121623,2
Longitudine Gauss-Boaga 2387211,4
Latitudine WGS-84 46° 14' 6,0093" (46,23500258)
Longitudine WGS-84 13° 16' 39,819" (13,27772751)
Latitudine UTM WGS-84 5121600,0
Longitudine UTM WGS-84 367207,0
Quota ingresso 445
Data esecuzione posizione 28-02-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0.7 m x 0.5 m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 4
Autore posizione Chiavoni Andrea
Gruppo appartenenza CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 5.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 11
Dislivello totale 11
Quota fondo 434
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova facilmente imboccando il primo canalone che si trova subito dopo la curva grande, dopo l'ancona sita sul vecchio sentiero per Tamar.
L'ingresso della cavità si apre un centinaio di metri sotto la strada, circa 20m prima che il canalone suddetto si immetta nel rio che scende da Chialminis; è visibile un paio di metri sulla destra, alla base di un piccolo spuntone roccioso.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta è costituita da un piccolo inghiottitoio profondo una decina di metri che si è formato probabilmente per l'azione del rio che attualmente scorre più in basso.
L'ingresso si apre al contatto di un banco di brecciola calcarea con un banco di marna. Il primo tratto in discesa segue l'inclinazione degli strati, inclinati di circa 47° verso SSW, con direzione W. La seconda parte presenta una caratteristica forma a campana con presenza di materiale clastico sul fondo. Tale materiale appare, sul lato Est, cementato da concrezioni prodotte da un accentuato stillicidio.
La cavità è popolata da una nutrita colonia di aracnidi e insetti tipici dell'habitat boschivo.

NOTA:
sulla roccia circostante l'ingresso e nei suoi pressi non è stata trovata traccia della scritta "Bog-wari!"(Dio ci guardi!) citata da vari autori.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 08-01-1978
Foto
Data dello scatto: 28-02-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Romanin Rosa

Gruppo di appartenenza: CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano

Data dello scatto: 28-02-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Romanin Rosa

Gruppo di appartenenza: CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano