Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1735 - Grotta dei Ragni

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta dei Ragni
Nome principale sloveno
Numero catasto 1735
Numero catasto storico 694FR
Numero totale ingressi 2

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Lusevera
Tipo carta 1:25.000
Carta CTRN 1:5.000 049123 - Vedronza
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5124055,0
Longitudine Gauss-Boaga 2388110,0
Latitudine WGS-84 46° 15' 25,3905" (46,25705291)
Longitudine WGS-84 13° 17' 19,3074" (13,28869651)
Latitudine UTM WGS-84 5124031,7
Longitudine UTM WGS-84 368105,6
Quota ingresso 600
Data esecuzione posizione 24-03-1968
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 4
Autore posizione Gasparo Fulvio
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 16
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 6.5
Dislivello totale 6.5
Quota fondo 593.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Per raggiungere la grotta si prende la strada che da Villanova porta al paese di Viganti e, quando la strada piega a Sud con una curva a gomito, si segue un sentiero che risale la vallecola in direzione NE: 200m a monte c'è un avvallamento, formato da un ruscello spesso asciutto, sul lato orientale del quale si trova la grotta.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è accessibile da due ingressi: quello superiore dà adito ad un pozzo di 4m molto stretto e quello inferiore porta in un breve cunicolo, al quale fa capo anche il pozzo d'accesso, il quale conduce ad un salto di 2m, sotto il quale c'è la prima cavernetta, con il soffitto a camino ed una grossa colata stalattitica. Una galleria, con il suolo in parte ostruito da massi franati dalla volta, porta nella seconda cavernetta, più grande della precedente e con il soffitto traforato da due alti camini, parallelamente alla quale corre una fessura lunga 2m, separata dalla cavernetta stessa da una grossa lama di roccia; la parte inferiore della cavità è scavata interamente nell'arenaria.
La grotta deve il proprio nome alla quantità di ragni troglofili che vi abitano.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 24-03-1968