Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 171 - Rupa Cerconizza

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Rupa Cerconizza
Nome principale sloveno
Numero catasto 171
Numero catasto storico 15FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune San Pietro al Natisone
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067074 - Crostù
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5111527,0
Longitudine Gauss-Boaga 2406180,0
Latitudine WGS-84 46° 8' 51,381" (46,14760583)
Longitudine WGS-84 13° 31' 33,8778" (13,52607718)
Latitudine UTM WGS-84 5111503,6
Longitudine UTM WGS-84 386175,1
Quota ingresso 420
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso Parzialmente ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 16
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 14
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 23
Dislivello totale 23
Quota fondo 397
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità è un piccolo pozzo, a circa 340m sul mare, nelle vicinanze delle case di Altovizza, nella valle dell'Alborna. E'scavata nella brecciola calcarea dell'eocene e si apre con uno stretto pertugio, reso ancora più infimo da un ponte di rocce che lo divide in due. Il pozzo si allarga a campana e il piano di fondo, inclinato e coperto di detriti, misura 8m X 7m circa. Un salto di 6m, sormontato da un ampio camino mette fine alla cavità. Secondo rilievi precedenti, al secondo pozzo ne seguiva un terzo, molto più piccolo, a cui faceva seguito poi una fessura impraticabile che proseguiva verso l'ignoto. Oggi questa parte della cavità è obliterata da materiale clastico e di riporto.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 28-10-1959