Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1694 - Pozzo presso Monrupino

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo presso Monrupino
Nome principale sloveno
Numero catasto 1694
Numero catasto storico 4536VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5062170,0
Longitudine Gauss-Boaga 2427015,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 23,8761" (45,70663224)
Longitudine WGS-84 13° 48' 19,3034" (13,80536206)
Latitudine UTM WGS-84 5062147,1
Longitudine UTM WGS-84 407008,9
Quota ingresso 308
Data esecuzione posizione 10-11-2002
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5.5
Autore posizione Malandrino Paolo
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 3.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 5.5
Dislivello totale 5.5
Quota fondo 302.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova in una zona caratterizzata da notevoli affioramenti calcarei e da vegetazione prevalentemente a basso fusto; il suo imbocco si apre al limite di un leggero sprofondamento, nei pressi di una grande quercia e per raggiungerlo si deve seguire la linea ferrata, partendo dal sottopasso che si trova dietro le case site sull'incrocio della strada che porta al Confine di Stato di Monrupino con la strada a senso unico proveniente dalle vecchie cave di Zolla. Dal sottopasso si procede in direzione Sud, lungo la ferrovia, per circa 400m; quando la linea ferrata comincia ad incanalarsi in mezzo alle pareti rocciose si deve abbandonare questa direzione per addentrarsi nella boscaglia, sul lato destro: procedendo per una settantina di metri in mezzo agli affioramenti calcarei e mantenendo una direzione SW (Conca di Percedol) si raggiunge la cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità In origine l'imbocco della cavità si presentava come una piccola fessura di 20cm x 40cm, posta al limite di una modesta dolina di crollo.
Il lavoro di allargamento permise di raggiungere una profondità massima di 5.5m oltre la quale il pozzo si restringeva in modo tale da impedire qualsiasi movimento.
Rilievo Sezione - Effettuato in data: 20-04-1969