Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1687 - Grotta a N di Vermegliano

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta a N di Vermegliano
Nome principale sloveno
Numero catasto 1687
Numero catasto storico 4529VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Ronchi dei Legionari
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088154 - Ronchi dei Legionari
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5077115,0
Longitudine Gauss-Boaga 2404577,0
Latitudine WGS-84 45° 50' 15,8154" (45,8377265)
Longitudine WGS-84 13° 30' 49,0796" (13,51363323)
Latitudine UTM WGS-84 5077092,2
Longitudine UTM WGS-84 384571,6
Quota ingresso 57
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5.4
Autore posizione Non specificato
Gruppo appartenenza TALPE - Jamarski klub Kraški krti/Gruppo Speleologico Talpe del Carso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 11.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 16.7
Dislivello totale 16.7
Quota fondo 40.3
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Un sentiero che sale dalla galleria che attraversa l'autostrada nei pressi di Vermegliano conduce alla cavità, nei pressi dell'oleodotto, ad un centinaio di metri dal Pozzo sopra Vermegliano (1638/4510VG).
Descrizione dei vani interni della cavità L'esistenza di questa cavità venne segnalata dagli abitanti del paese, a detta dei quali essa si estendeva fino alla chiesa, distante oltre 300m dall'ingresso; esso venne individuato dopo lunghe ricerche e per liberarlo si dovette muovere una grande quantità di pietrame.
Due pozzi portano in una saletta, dove la grotta si chiude con un cunicolo intasato da detriti e concrezioni. Le pareti della grotta sono a tratti ricoperte da colate e da concrezioni coralloidi.
In seguito al crollo di alcuni massi, l'ingresso attualmente è ostruito.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 23-03-1969