Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1650 - Pozzo presso la Grotta delle Gallerie

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo presso la Grotta delle Gallerie
Nome principale sloveno
Numero catasto 1650
Numero catasto storico 4522VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune San Dorligo della Valle / Dolina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110152 - Draga Sant’Elia
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5052259,0
Longitudine Gauss-Boaga 2432882,0
Latitudine WGS-84 45° 37' 5,5394" (45,6182054)
Longitudine WGS-84 13° 52' 56,971" (13,88249195)
Latitudine UTM WGS-84 5052236,2
Longitudine UTM WGS-84 412875,7
Quota ingresso 320
Data esecuzione posizione 04-03-2005
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,5m x 0,5m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5.2
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 65
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 40
Dislivello totale 40
Quota fondo 280
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Appartenente al complesso Complesso Christian Zanini
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si apre in un terreno assai ripido sul costone che dalla Grotta delle Gallerie (290/420VG) scende al tracciato della linea ferroviaria.
Volendo raggiungere la cavità dal basso, si sale il sentiero che dalla ferrovia conduce alla Grotta Savi e circa a due terzi lo si abbandona per spostarsi verso destra orizzontalmente lungo un'esile traccia.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di una cavità ad andamento verticale. L'ingresso del pozzo è appena praticabile; abbondanti concrezioni coprono le pareti ed al livello del fondo si interna, verso Est, una bassa nicchia che si prolunga in una fessura alta pochi centimetri, dalla quale esce un leggera corrente d'aria. Accanto all'imbocco vi è un foro impraticabile che immette in un vano parallelo non esplorato

NOTA REVISIONE DI RILIEVO DEL 04/03/2005:
Nella seconda metà del 2004 un lavoro di scavo alla base del pozzo iniziale ha permesso di accedere ad una serie di pozzetti intercalati da brevi meandri, tutti allargati artificialmente fino alla profondità di m 25 fino a raggiungere un pozzo di m 8,3 abbastanza largo e ben calcificato. Alla sua base si sviluppano tre cunicoli distinti: quello verso SW si presenta concrezionato, in lieve salita ed è lungo m 6; quello verso NE è in discesa, alquanto fangoso e lungo m 7; quello verso E sprofonda dopo m 7 in un pozzetto a campana di m 3,2. Oltrepassato tale pozzetto, la grotta prosegue con un breve pozzo parallelo sovrastato da un camino inclinato. Alla sua base un cunicolo in discesa di quasi m 8 immette nella Grotta delle Gallerie (290/420VG), in corrispondenza di un pozzo laterale della galleria principale esplorata nel 2003.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 04-03-2005