Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1646 - Grotta di S. Pelagio

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta di S. Pelagio
Nome principale sloveno
Numero catasto 1646
Numero catasto storico 4518VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110013 - San Pelagio
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5069054,0
Longitudine Gauss-Boaga 2418077,0
Latitudine WGS-84 45° 46' 2,3497" (45,76731935)
Longitudine WGS-84 13° 41' 20,8351" (13,68912086)
Latitudine UTM WGS-84 5069031,1
Longitudine UTM WGS-84 398071,2
Quota ingresso 235
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 24
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 22
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 34.5
Dislivello totale 34.5
Quota fondo 200.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta è situata in un terreno privato ed è chiusa.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'accesso ha un ingresso piuttosto stretto e le sue pareti sono interrotte da ripiani e nicchie; verso il fondo, sul lato NE, si va ampliando una fessura che da dà luogo ad un'ampia nicchia di fronte alla quale inizia una breve e bassa galleria; una strettoia quasi verticale conduce a due cavernette in entrambe delle quali si aprono brevi pozzi ostruiti. Dall'ultima cavernetta si diparte una stretta galleria che dopo pochi metri si riduce ad una fessura impraticabile.
Quasi ovunque è ben visibile la stratificazione e la roccia appare profondamente incisa; nella parte più profonda della cavità vi sono banchi di calcare nero.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 03-11-1968