Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1639 - Abisso Riccardo Furlani

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Riccardo Furlani
Nome principale sloveno
Numero catasto 1639
Numero catasto storico 4511VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Poligonale
Latitudine Gauss-Boaga 5061406,0
Longitudine Gauss-Boaga 2428655,0
Latitudine WGS-84 45° 41' 59,911" (45,69997528)
Longitudine WGS-84 13° 49' 35,6508" (13,82656966)
Latitudine UTM WGS-84 5061383,1
Longitudine UTM WGS-84 408648,9
Quota ingresso 320
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione 1° gruppo riposizionamento regionale su CTR 1:5000 (1999)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5.7
Autore posizione Non specificato
Gruppo appartenenza GK - Geokarst
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 65
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 180
Dislivello totale 180
Quota fondo 140
Vincolo paesaggistico Si
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La scoperta dei questo importante abisso si deve al Gruppo Grotte "C. Debeliak" che esplorò la cavità fino alla profondità di 48m, dove una strettoia ed una frana pericolante ostacolavano l'avanzata. Successivamente l'Associazione XXX Ottobre superò quella profondità e dopo mesi di lavoro raggiunse il fondo della cavità.
I primi 50m dell'abisso sono costituiti dalla successione di pozzi, tutti con ingresso a strettoia, eccezion fatta per il pozzetto (punto 4 del rilievo) costituito da un'unica fessura profonda 5m. Alla profondità di 50m il collegamento con la parte nuova è dato da una marmitta nel cui fondo si apre un pertugio, allargato artificialmente, che dà adito al pozzo di 47m. La parte basale di questo pozzo (punti 7 e 8) è costituita da una lunga fessura che si sviluppa in direzione Nord-Sud, dal cui fondo scendono alcuni pozzetti, dei quali il più spostato verso Nord costituisce la continuazione dell'abisso (punto 9). Da qui una finestra porta ad una cavernetta nella quale si apre un pozzo cieco di 14m (tra i punti 9 e 10), che è senz'altro uno dei più pericolosi dell'abisso, a causa delle grosse pietre che si staccano dalle pareti. La grotta prosegue con un franoso piano inclinato che conduce in un vasto ambiente sovrastato da un ampio camino, sul lato del quale uno stretto pertugio porta ad un pozzo di 8m, al quale fanno seguito una galleria con un pozzo laterale cieco (punto 13) ed un successivo pozzo interrotto dopo pochi metri da una strettoia; sul suo fondo si apre la parte terminale della cavità: una discesa di 5m in mezzo ad una frana molto instabile e pericolosa ed una strettoia che porta nel pozzo terminale, chiuso alla base da riempimenti clastici.

Per accedere alla cavità è necessario chiedere il permesso all'Autoporto di Fernetti.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-1969