Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1628 - Inghiottitoio di Cadin Dosaip

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Inghiottitoio di Cadin Dosaip
Nome principale sloveno
Numero catasto 1628
Numero catasto storico 634FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Claut
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 047121 - Monte Dosaip
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5128615,0
Longitudine Gauss-Boaga 2337415,0
Latitudine WGS-84 46° 17' 10,7964" (46,28633234)
Longitudine WGS-84 12° 37' 46,8294" (12,62967483)
Latitudine UTM WGS-84 5128592,5
Longitudine UTM WGS-84 317411,6
Quota ingresso 1754
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 45
Autore posizione Durnik Fulvio
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 66
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 67
Dislivello totale 67
Quota fondo 1687
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'inghiottitoio si apre nella parte più depressa della conca di Cadin Dosaip e raccoglie tutte le acque meteoriche e di scioglimento delle nevi della sinclinale che la compone.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo, pieno di neve fino all'orlo, è praticabile grazie ad una fenditura tra la neve e la roccia.
Alcune esplorazioni condotte nel 1976 dagli speleologi della Commissione Grotte portarono la profondità della grotta da 29m a 40m e nel 1978, grazie allo scioglimento del ghiaccio, fu possibile percorrere per altri 10m circa (punto 10 nel rilievo) il passaggio che si diparte, in direzione Nord, dalla caverna alla base del pozzo interno, aggirando un enorme blocco di ghiaccio che occupa la caverna quasi interamente; nel 1986 tale passaggio, tra il ghiaccio e la roccia in posto ricoperta da piccoli cristalli di ghiaccio, è stato esplorato per un ulteriore tratto lungo 12m, alto dai 2,5m ai 3m e largo circa 50cm; rispetto al rilievo del 1978, è stato constatato che la volta si è abbassata a 2,5m dal suolo e il pavimento in corrispondenza dei punti 4, 6 e 8 del rilievo è composto da uno spesso strato di ghiaccio.
Il tappo fatto con arbusti nel 1978 ha resistito e se lo scioglimento del ghiaccio dovesse continuare è probabile che in futuro si potranno effettuare delle interessanti scoperte.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 07-09-1986