Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1615 - Pozzo 1° di Pradut

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 1° di Pradut
Nome principale sloveno
Numero catasto 1615
Numero catasto storico 628FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Claut
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 047112 - Lesis - Stoc
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5125632,0
Longitudine Gauss-Boaga 2332481,0
Latitudine WGS-84 46° 15' 29,3965" (46,2581657)
Longitudine WGS-84 12° 34' 0,7283" (12,56686898)
Latitudine UTM WGS-84 5125609,6
Longitudine UTM WGS-84 312477,6
Quota ingresso 1311
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 23
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 9
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 24
Dislivello totale 24
Quota fondo 1287
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo ha un imbocco di forma ellittica, di 5m x 2m, ed è impostato su una frattura orientata N-S. Nel primo tratto le pareti scendono verticali, ma poi tendono progressivamente ad avvicinarsi raggiungendo a 14m di profondità la massima convergenza (circa 1m x 1m); da questo punto tendono nuovamente ad allargarsi moderatamente sino al fondo, a 23 m di profondità, dando origine ad un vano, ingombro di materiale clastico. Due strettissime fessure impenetrabili costituiscono l'estremo limite esplorabile. Mancano tracce di concrezionamento.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 22-06-1980