Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1608 - Pozzo di Pegliano

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo di Pegliano
Nome principale sloveno
Numero catasto 1608
Numero catasto storico 621FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Pulfero
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067022 - Pulfero
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5112708,4
Longitudine Gauss-Boaga 2401447,4
Latitudine WGS-84 46° 9' 26,7445" (46,15742904)
Longitudine WGS-84 13° 27' 52,2785" (13,46452181)
Latitudine UTM WGS-84 5112685,1
Longitudine UTM WGS-84 381442,6
Quota ingresso 539
Data esecuzione posizione 25-07-2008
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1m x 0,5m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 6
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 7
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 35
Dislivello totale 35
Quota fondo 504
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre non lontano dalla sommità della lunga dorsale che cinge a Sud la borgata di Sosgne, presso il limite superiore del bosco che ne riveste le pendici.
Descrizione dei vani interni della cavità Uno stretto imbocco dà accesso al primo pozzo, profondo 6m, oltre il quale scende un pozzo più ampio, nel quale la volta è ornata da tozze stalattiti mentre le pareti presentano un'elaborata morfologia corrosiva/erosiva; uno stretto passaggio alla base del secondo pozzo interno conduce in un piccolo vano da dove la cavità continua con fessure impraticabili.
Durante la prima esplorazione dal pozzo si sprigionava una notevole corrente d'aria, la quale risultava invece quasi inavvertibile durante il rilievo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 08-05-1966