Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1600 - Grotta delle Tacche

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta delle Tacche
Nome principale sloveno
Numero catasto 1600
Numero catasto storico 4493VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune San Dorligo della Valle / Dolina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110153 - San Dorligo della Valle
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5052235,0
Longitudine Gauss-Boaga 2431941,0
Latitudine WGS-84 45° 37' 4,3351" (45,61787086)
Longitudine WGS-84 13° 52' 13,5445" (13,87042902)
Latitudine UTM WGS-84 5052212,2
Longitudine UTM WGS-84 411934,7
Quota ingresso 252
Data esecuzione posizione 31-08-2001
Affidabilità posizione 3° gruppo riposizionamento regionale GPS (2001)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1m x 0,5m
Tipo ingresso Fessura
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Manzoni Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Autore posizione Rucavina Paolo
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 106
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 21
Dislivello totale 21
Quota fondo 231
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni certe (accessibili)
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre sul fianco del Monte Carso, su uno dei ripidi gradoni che caratterizzano la zona.
Descrizione dei vani interni della cavità Il cunicolo d'accesso, piuttosto stretto, è raggiungibile grazie ad alcune tacche scavate nella roccia sia nella parete prima dell'ingresso sia nel tratto iniziale della grotta, le quali fanno pensare ad un probabile utilizzo della cavità come rifugio, da parte di ingnoti.
Il cunicolo, dopo poco più di un metro, immette in una finestra sdoppiata da un ponte di roccia, dalla quale un pozzo di 4m, superabile assicurandosi con una corda e con l'aiuto di una cengia concrezionata e in parte a gradini, porta in una caverna: a Sud questa prosegue con una galleria in discesa, in parte concrezionata e dal suolo scivoloso, che termina in un bacino di fango, mentre ad Ovest continua in un angusto ed alto meandro, ulteriormente ristretto dalla presenza di concrezionamenti, il quale conduce ad una fessura, il cui forzamento ha permesso di rendere accessibile un nuovo e complesso ramo.
Questo ramo inizia con un pozzo di 5,5m che porta in una cavernetta, la quale verso Est prosegue con un meandro che si interna sotto quello d'accesso e al quale potrebbe forse congiungersi, mentre verso Ovest, dopo una breve risalita in parete, continua con uno strettissimo e scivoloso meandro che è stato esplorato soltanto per una decina di metri, oltre i quali prosegue. A circa 5m dall'inizio di ques'ultimo meandro un passaggio malagevole porta più in basso in un meandro in discesa, il quale sbocca con un salto di un paio di metri in una caverna fangosa, ampia ma bassa, dalla quale si dipartono due gallerie: una prosegue in direzione Ovest lungo una frattura, per una decina di metri in salita, è sormontata da stretti camini, non risaliti, e chiude dopo pochi metri; l'altra, molto fangosa, si sviluppa in direzione SW, in discesa, fino ad un laghetto fangoso, oltre il quale continua in un ambiente sormontato da un camino che forse varrebbe la pena risalire; quest'ultima parte della cavità, molto umida, è caratterizzata dalla presenza di tozze stalattiti di "mondmilch" (latte di monte), il quale è presente anche nei meandri più interni, e da depositi di fango che rendono difficoltoso camminare.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 04-04-1987
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Data dello scatto: 26-07-2014

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Magrin Enrico

Gruppo di appartenenza: SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner

Data dello scatto: 26-07-2014

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Magrin Enrico

Gruppo di appartenenza: SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner