Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1567 - Caverna del Monte S. Michele

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna del Monte S. Michele
Nome principale sloveno
Numero catasto 1567
Numero catasto storico 4465VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune San Dorligo della Valle / Dolina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110153 - San Dorligo della Valle
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5052189,0
Longitudine Gauss-Boaga 2431105,0
Latitudine WGS-84 45° 37' 2,4619" (45,61735052)
Longitudine WGS-84 13° 51' 34,9803" (13,85971675)
Latitudine UTM WGS-84 5052166,2
Longitudine UTM WGS-84 411098,7
Quota ingresso 198
Data esecuzione posizione 05-09-2001
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 2m x 3m
Tipo ingresso Caverna
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Sgambati Alessandro
Gruppo appartenenza ISP FOR - Ispettorato Ripartimentale Foreste
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 18.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 1.7
Dislivello negativo
Dislivello totale 1.7
Quota fondo 198
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La caverna si apre sopra il paese di Bagnoli, sul fianco dirupato del Monte San Michele, alla base di un basso costone roccioso situato nel perimetro del castelliere.
Descrizione dei vani interni della cavità Nel tratto iniziale si nota che la cavità è stata ampliata con mine ed infatti dopo pochi metri sulla sinistra si interna una breve galleria artificiale; la parte naturale continua invece con un cunicolo terroso che sbocca in una saletta dalla pianta circolare e dal suolo costituito da un banco di argilla asciutta.
E' in questa grotta che probabilmente vennero rinvenuti nell'altro secolo degli oggetti preistorici, tra i quali alcune armi di ferro databili al periodo dei castellieri, ma gli adattamenti bellici eseguiti successivamente non permettono di affermare ciò con certezza.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 12-11-1967
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino