Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1521 - Grotta presso Redipuglia

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso Redipuglia
Nome principale sloveno
Numero catasto 1521
Numero catasto storico 4405VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Fogliano Redipuglia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088102 - Fogliano-Redipuglia
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5080006,8
Longitudine Gauss-Boaga 2403372,4
Latitudine WGS-84 45° 51' 48,7525" (45,86354235)
Longitudine WGS-84 13° 29' 50,7373" (13,49742702)
Latitudine UTM WGS-84 5079984,0
Longitudine UTM WGS-84 383367,0
Quota ingresso 85
Data esecuzione posizione 04-08-2014
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Sotto tracciato oleodotto
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 3
Autore posizione Magrin Enrico
Gruppo appartenenza SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 30
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 63
Dislivello totale 63
Quota fondo 22
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso della cavità venne aperto con lo scavo della trincea per l'oleodotto ed il brevissimo tempo in cui la grotta fu accessibile non consentì un'accurata esplorazione; all'epoca la profondità raggiunta in questa grotta era la massima tra le cavità del monfalconese.
La presenza di piccoli depositi di ghiaia minuta nella parte terminale della grotta fa supporre che la cavità potrebbe essere in qualche modo in relazione con le acque di base.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 07-07-1966