Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 152 - Russa Spila

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Russa Spila
Nome principale sloveno
Numero catasto 152
Numero catasto storico 301VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110013 - San Pelagio
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5068625,0
Longitudine Gauss-Boaga 2416558,0
Latitudine WGS-84 45° 45' 47,641" (45,7632336)
Longitudine WGS-84 13° 40' 10,8577" (13,6696827)
Latitudine UTM WGS-84 5068602,2
Longitudine UTM WGS-84 396552,2
Quota ingresso 155
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 30
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 6
Dislivello totale 6
Quota fondo 149
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta Si
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La Grotta presso Slivia, più conosciuta con il nome indigeno di Russa Spila, venne scavata dal Moser verso la fine del secolo scorso, con promettenti risultati, ma già durante la prima guerra mondiale essa venne profondamente rimaneggiata ad opera degli austriaci che l'approfondirono scavando il suolo e rovinando gravemente il deposito preistorico. A fianco dell'ingresso vennero aperte alcune gallerie artificiali che si internavano parallelamente alla cavità per pochi metri. Il rilievo di Battellini riporta le proporzioni della grotta dopo gli adattamenti bellici.
Verso il 1963 la Cava Romana ha iniziato lo sfruttamento della pregiata pietra della quale è costituito il costone ai cui piedi si apriva la caverna la quale è stata letteralmente tagliata a fette dai fili elicoidali.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 22-06-1924