Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1507 - Pozzo a SE di Monrupino

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo a SE di Monrupino
Nome principale sloveno
Numero catasto 1507
Numero catasto storico 4400VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5061664,0
Longitudine Gauss-Boaga 2427805,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 7,8639" (45,70218442)
Longitudine WGS-84 13° 48' 56,177" (13,81560473)
Latitudine UTM WGS-84 5061641,1
Longitudine UTM WGS-84 407798,9
Quota ingresso 310
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 58
Autore posizione Tognolli Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 17
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 67
Dislivello totale 67
Quota fondo 243
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità fu scoperta grazie ad una lieve corrente d'aria che saliva tra massi e muschio umido, al limite di una piccola dolina nei pressi di Fernetti, ed il suo ingresso fu disostruito con relativa facilità.
La cavità è costituita da un ampio pozzo interrotto a metà circa da un solido ripiano roccioso; presso il fondo del pozzo, costituito da grossi massi caduti durante i lavori di disostruzione, si aprono alcune fessure impraticabili. Sulla parete Nord in mezzo ad una frana si apre una fessura che dà su di un salto impraticabile, stimato profondo circa 3m.
Il pozzo è intensamente concrezionato nei primi 20m circa e poi le sue pareti risultano invece intensamente corrose.
A circa 20m di altezza dal fondo una traversata su di una piccola cengia porta ad una nicchia nella quale, fra dei massi, si apre un pozzo di 11m; nella frana sul fondo di tale pozzo si apre un altro pozzo, profondo 15m.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-03-1977