Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1501 - Caverna a NW di Sistiana

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna a NW di Sistiana
Nome principale sloveno
Numero catasto 1501
Numero catasto storico 4404VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:25.000
Carta CTRN 1:5.000 109042 - Sistiana
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5069630,0
Longitudine Gauss-Boaga 2413161,0
Latitudine WGS-84 45° 46' 18,3365" (45,77176014)
Longitudine WGS-84 13° 37' 32,8416" (13,62578934)
Latitudine UTM WGS-84 5069607,2
Longitudine UTM WGS-84 393155,3
Quota ingresso 60
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 47
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 31
Dislivello totale 31
Quota fondo 29
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre sul costone roccioso che sovrasta la parte occidentale della Baia di Sistiana. Per raggiungerla si deve imboccare il sentiero che parte dall'Azienda Autonoma di Soggiorno di Sistiana e conduce a Duino; dopo una ventina di metri il sentiero si biforca si deve imboccare la variante di sinistra; proseguendo ancora per una trentina di metri si raggiunge l'imboccatura della caverna, la quale si apre sulla destra del sentiero, alla sommità di una pietraia alta circa 4,5m.
Descrizione dei vani interni della cavità Originariamente la cavità è stata disostruita dando accesso all'entrata di un cunicolo in discesa, inclinato di 30°, il quale si allunga per circa 5m e poi si restringe ulteriormente; dopo una strettoia dal suolo formato da sassi in bilico, il cunicolo si allarga e porta ad un pozzetto di circa 4-5m, alla base del quale si trova una piccola stanza concrezionata; vicino ad una colonna si apre un'altra piccola stanza dalle pareti ricoperte da uno strato di argilla, nella quale si apre un pozzo, interrotto da una strettoia, che dà in una sala ampia e ben concrezionata, il cui suolo è formato da un ghiaione argilloso in pendenza. Scavando alla fine del pozzetto, è stata resa agibile una strettoia che dà in una stanzetta alta circa 1,5m e larga altrettanto, molto ben concrezionata.
Nella grotta vi sono molti massi pericolanti, in alcuni tratti lo stillicidio è pressoché nullo e sono state rinvenute numerose ossa, presumibilmente appartenute ad animali caduti nella cavità.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 17-09-1972