Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 149 - Caverna presso il Viadotto ferroviario di Aurisina

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna presso il Viadotto ferroviario di Aurisina
Nome principale sloveno
Numero catasto 149
Numero catasto storico 261VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110013 - San Pelagio
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5067725,8
Longitudine Gauss-Boaga 2416835,3
Latitudine WGS-84 45° 45' 18,6629" (45,75518414)
Longitudine WGS-84 13° 40' 24,3794" (13,67343871)
Latitudine UTM WGS-84 5067703,0
Longitudine UTM WGS-84 396829,4
Quota ingresso 134
Data esecuzione posizione 23-03-2012
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Parzialmente ostruito
Dimensione stimata ingresso 0,5 x 0,5 m
Tipo ingresso Cunicolo
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Gerl Damjan
Gruppo appartenenza GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 12
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 5
Dislivello totale 5
Quota fondo 129
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta No
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Questa caverna si apre in uno sprofondamento, quasi del tutto riempito da scarti della vicina cava e da immondizie, a poca distanza dal monumentale viadotto ferroviario di Aurisina, all'altezza dell'ottavo arco, incominciando a numerarli dal monte, perpendicolarmente al viadotto (in direzione S-E).
Si apre ad una ventina di metri dal viadotto di Aurisina ed a lato dell'autostrada.
Descrizione dei vani interni della cavità Le dimensioni della caverna sono sensibilmente ridotte rispetto a quelle rilevate nel 1923. In seguito alla ripresa dell'attività nella cava vicina, essa è stata in buona parte ostruita con materiale lapideo. Visitata verso la fine del secolo scorso dal Moser, la caverna venne adattata dagli austriaci a piccolo ricovero militare.

AGGIORNAMENTO del 1982:
uno stretto passaggio permette di accedere alla cavernetta: la parete destra, entrando, è ricoperta da un velo di concrezione che, verso il centro, si fa più consistente mentre l'altra parete è spoglia e presenta, in qualche tratto, le tracce dei lavori di adattamento compiuti nel corso della Grande Guerra. I gradini che permettevano l'accesso, ancora visibili nel marzo del 1961 (esplorazione del GEST e relativo rilievo), sono del tutto scomparsi, coperti dal materiale di riporto. Un accenno di scavo (probabilmente ricerche preistoriche abusive) è stato eseguito proprio al centro della caverna, nella quale si riesce a stare in piedi, e un cunicolo in discesa semiostruito da massi chiude la cavità, che come detto sopra un tempo era molto più ampia.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 28-03-1982
Foto
Data dello scatto: 23-03-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Gerl Damjan

Gruppo di appartenenza: GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada

Data dello scatto: 23-03-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Gerl Damjan

Gruppo di appartenenza: GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada

Data dello scatto: 23-03-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Gerl Damjan

Gruppo di appartenenza: GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada

Data dello scatto: 31-12-2004

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Radacich Maurizio (Edy)

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino