Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1488 - Cunicolo di Val Rosandra

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Cunicolo di Val Rosandra
Nome principale sloveno
Numero catasto 1488
Numero catasto storico 4391VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune San Dorligo della Valle / Dolina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110153 - San Dorligo della Valle
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5052397,8
Longitudine Gauss-Boaga 2431971,3
Latitudine WGS-84 45° 37' 9,623" (45,61933971)
Longitudine WGS-84 13° 52' 14,8387" (13,87078852)
Latitudine UTM WGS-84 5052375,0
Longitudine UTM WGS-84 411965,0
Quota ingresso 135
Data esecuzione posizione 31-07-2009
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1m x 1m
Tipo ingresso Scivolo
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Bernardis Remigio
Gruppo appartenenza CAT - Club Alpinistico Triestino
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 40
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 5.5
Dislivello negativo 4
Dislivello totale 9.5
Quota fondo 131
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta fu scoperta grazie ad una sensibile corrente d'aria che scaturiva alla base di una roccia sul ripido fianco del versante Nord del Monte Carso; è formata da alcuni angusti cunicoli scavati a pressione dall'acqua lungo fratture orientate Nord-Sud, i quali in origine erano quasi completamente ostruiti da depositi di argilla. Dopo un percorso ascendente la grotta si approfondisce con alcuni vani strettissimi ed una più marcata strozzatura chiude la parte praticabile.
L'origine della corrente d'aria non è stata appurata.
in caso di forte pioggia, dalla cavità esce un piccolo corso d'acqua la cui portata è stata valutata in parecchi litri al secondo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 09-01-1966