Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 143 - Il Fornat

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Il Fornat
Nome principale sloveno
Numero catasto 143
Numero catasto storico 121FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Travesio
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048154 - Monte Ciaurlec
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5122677,0
Longitudine Gauss-Boaga 2353805,0
Latitudine WGS-84 46° 14' 13,701" (46,23713916)
Longitudine WGS-84 12° 50' 39,7529" (12,84437581)
Latitudine UTM WGS-84 5122654,3
Longitudine UTM WGS-84 333801,2
Quota ingresso 1073
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 9.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 35
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 9.5
Dislivello totale 9.5
Quota fondo 1063.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Questa cavità si trova nella zona intensamente carsificata ad occidente della cima del Monte Ciaurlec ed è raggiungibile attraverso un sentierino che si diparte a destra di quello che porta a Malga Tamer.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta ha l'ingresso che si apre sul fondo di un piccolo baratro limitato da un caratteristico arco naturale ed è conosciuta da tempo immemorabile in quanto i pastori della vicina malga si servivano dell'acqua che da essa sgorga.
L'andamento di questa cavità è suborizzontale, in lieve salita, e deve la sua origine all'allargamento di un interstrato. Per alcuni metri le sue dimensioni sono tali da permettere di procedere comodamente, poi la galleria assume un caratteristico andamento meandriforme con una larghezza massima di 30cm e dopo poco più di 20m diventa una fessura impraticabile. Circa a metà di questa galleria parte una diramazione secca e parzialmente concrezionata che dopo pochi metri di percorso in lieve ascesa finisce alla base di un pozzo che si apre in una delle tante profonde solcature.
Rilievo Completo - Aggiornamento rilievo - Effettuato in data: 24-11-1963