Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 139 - Grotta di Monteprato

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta di Monteprato
Nome principale sloveno
Numero catasto 139
Numero catasto storico 59FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Nimis
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049161 - Monteprato
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5121456,3
Longitudine Gauss-Boaga 2389337,5
Latitudine WGS-84 46° 14' 2,084" (46,23391222)
Longitudine WGS-84 13° 18' 19,2053" (13,3053348)
Latitudine UTM WGS-84 5121433,0
Longitudine UTM WGS-84 369333,0
Quota ingresso 520
Data esecuzione posizione 25-06-2011
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1m x 8m
Tipo ingresso Fessura
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Borlini Andrea
Gruppo appartenenza CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 158.42
Sviluppo spaziale 113
Estensione 98.35
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 47.49
Dislivello negativo
Dislivello totale 47.49
Quota fondo 520
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne Si
Cavità attrezzata No
Introvabile No
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dalla strada che dall'abitato di Vallemontana porta a Monteprato, a circa 60m dall'ultimo tornante, l'ingresso si trova nei pressi della strada, in corrispondenza di un torrente. Si risale il pendio sulla destra della strada per circa 30m, dove si apre l'ingresso della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Molto più vasta della vicina grotta I del Torrente, questa grotta, scavata come le altre della zona nei calcari eocenici, è in pratica composta da due grandi sale in salita fra loro unite da un breve saltino e da una galleria, pure in salita, che si chiude con una piccola fessura impraticabile. La sala centrale, che è la più vasta, ha il suolo sabbioso e presenta sulla volta ed sulle pareti dei chiari segni di concrezionamento.

AGGIORNAMENTO 2012
Il rilievo è ancora parziale, in quanto manca l'ultimo ramo tutto in strettoia.
Il ramo superiore è ben concrezionato e presenta un conoide detritico allo sbocco di un ramo laterale. La morfologia del soffitto è scalinata, per effetto di crolli gravitativi. Al suolo tutto è occluso da un diffuso concrezionamento. Nella parte finale del ramo superiore sono presenti delle vaschette (asciutte al momento del rilievo), sempre nei pressi è presente un pozzetto di un metro di profondità, chiuso da detriti.
Rilievo Completo - 1:300 - Effettuato in data: 21-04-2013
Foto
Data dello scatto: 25-06-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Borlini Andrea

Gruppo di appartenenza: CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano

Data dello scatto: 25-06-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Borlini Andrea

Gruppo di appartenenza: CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano