Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1338 - Abisso Fulvio

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Fulvio
Nome principale sloveno
Numero catasto 1338
Numero catasto storico 4291VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5059598,0
Longitudine Gauss-Boaga 2427448,0
Latitudine WGS-84 45° 41' 0,7637" (45,68354546)
Longitudine WGS-84 13° 48' 41,0881" (13,81141336)
Latitudine UTM WGS-84 5059575,2
Longitudine UTM WGS-84 407441,9
Quota ingresso 325
Data esecuzione posizione 31-12-1999
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0.50 x 0.70m
Tipo ingresso Cunicolo
Profondità pozzo d'accesso 22.5
Autore posizione Manzoni Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 24
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 76.5
Dislivello totale 76.5
Quota fondo 248.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso dell'abisso, che si apre nel lato Sud della stessa dolina nella quale si trova la Grotta Fulvio (1092/4041VG), venne allargato con un lungo lavoro di scavo ed in pratica è uno stretto cunicolo fortemente inclinato, in gran parte artificiale (punti 1-2 nel rilievo). Una strozzatura rende difficoltosa la discesa del primo pozzo, la cui base si allarga in una prima cavernetta, dagli assi di 9m x 2,5m, dalla quale, a Sud, sprofonda un ulteriore pozzetto (punto 5); dalla base della parete Ovest di tale cavernetta fra alcuni massi (punto 6) si apre uno stretto cunicolo concrezionato (punto 6) che si snoda per 4m in direzione Nord e sbocca sul secondo pozzo, reso pericoloso dal frequente distacco di pietre dalle pareti; dallo stesso vano si aprono altre vie di comunicazione con i vani sottostanti, le quali però sono impraticabili.
Al fondo del secondo pozzo la parete Nord di una seconda caverna (punti 10-13), dagli assi di 10m x 2m, segue due fratture parallele: quella ad Ovest è ostruita a 2m di profondità da pietrisco, mentre l'altra sprofonda fino a 6m ed è divisa da lame e massi incastrati in due pozzi, i quali si riuniscono alla base della frattura stessa; da uno stretto pertugio scende un pozzo (punto 11) che non è stato interamente esplorato, il quale si riunisce ai pozzi sottostanti.
Dal lato Sud della seconda caverna (punti 10-13) la cavità prosegue con due pozzi che scendono paralleli, i cui ingressi si aprono vicinissimi tra loro, ed è consigliabile scendere quello che si trova alla base della caverna (punto 10). Sotto il pozzo di 19m c'è una sala irregolarmente circolare, dagli assi di 3m x 2,5m il cui suolo pianeggiante, verso Sud, lascia il posto ad un salto di 5m che porta in una stretta galleria dalle pareti fortemente corrose ed interrotta da vani laterali, nei quali si aprono numerosi pozzetti impraticabili che segnano la massima profondità della grotta; qui la volta si innalza in ampi camini da cui scende un abbondante stillicidio.
La breve risalita di una frana (punto 17) conduce in una caverna, dagli assi principali di 10m x 2m ed il suolo fortemente inclinato, la quale costituisce la base del pozzo che scende oltre la finestra della parete Sud della seconda caverna (punti 10-13).
Ad Ovest (punto B) un basso portale dà su di un'ampia frattura il fondo della quale è ingombro di massi; alle estremità dell'asse maggiore, lungo 10m, si dipartono due fessure impraticabili.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 03-05-1964
Foto
Data dello scatto: 19-04-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Rodari Paola

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 19-04-2015

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Rodari Paola

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Descrizione inquadratura: Panoramica dell'ingresso
Data dello scatto: 19-04-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Rodari Paola

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 19-04-2015

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Rodari Paola

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 14-07-2010

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Podgornik Ferruccio

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino