Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1332 - Grotta delle Ossa

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta delle Ossa
Nome principale sloveno
Numero catasto 1332
Numero catasto storico 4282VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5062980,0
Longitudine Gauss-Boaga 2427478,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 50,3394" (45,71398316)
Longitudine WGS-84 13° 48' 40,1557" (13,81115437)
Latitudine UTM WGS-84 5062957,1
Longitudine UTM WGS-84 407471,9
Quota ingresso 365
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 9
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 15.6
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 9.7
Dislivello totale 9.7
Quota fondo 355.3
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta si apre su un dosso occupato da un imponente campo solcato ed ha due ingressi, uno dei quali si apre a pozzo nella volta della cavità. Un erto pendio scende dall'altro accesso in una caverna concrezionata che si dirama in piccoli vani e nicchie incrostate.
Inglobate nel crostello che copre il suolo della parte più interna della grotta si trovano molte ossa, le più interessanti delle quali, di iena e di cervo, sono state rinvenute sotto il crostello stalagmitico, dietro un panneggio che crea una graziosa nicchia.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 27-03-1964