Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1253 - Grotta a SE del Monte Meducia

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta a SE del Monte Meducia
Nome principale sloveno
Numero catasto 1253
Numero catasto storico 4210VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5062456,9
Longitudine Gauss-Boaga 2428990,1
Latitudine WGS-84 45° 42' 34,1148" (45,70947634)
Longitudine WGS-84 13° 49' 50,4346" (13,83067629)
Latitudine UTM WGS-84 5062434,0
Longitudine UTM WGS-84 408984,0
Quota ingresso 340
Data esecuzione posizione 21-02-2016
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0.60 x 0.40 m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 3
Autore posizione Benedetti Luca
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 17
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 16
Dislivello totale 16
Quota fondo 324
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso della grotta si apre sul fianco di una grande dolina e in origine era impraticabile.
Il pozzetto iniziale porta ad una sala spaziosa, ingombra di enormi ammassi di materiale di frana, dalla quale, tramite un accesso alquanto inclinato, precipita un secondo pozzo, parzialmente ostruito, a 3m dal fondo, da un ponte naturale di grandi dimensioni; il suolo, nel quale si aprono alcuni pericolosi passaggi impraticabili, è occupato da massi franati dalle pareti.
A circa metà pozzo si apre in parete un ramo suborizzontale nel primo tratto del quale si apre un pozzo impraticabile di circa 2m e che continua con una sala leggermente in salita, dal suolo occupato da grandi massi di frana.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 26-05-1963
Foto
Data dello scatto: 21-02-2016

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Rodari Paola

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 21-02-2016

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Rodari Paola

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Descrizione inquadratura: Panoramica dell'ingresso
Data dello scatto: 21-02-2016

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Rodari Paola

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi