Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1252 - Pozzo della Farmacia

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo della Farmacia
Nome principale sloveno
Numero catasto 1252
Numero catasto storico 4269VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Savogna d'Isonzo
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088111 - San Michele del Carso
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5081263,0
Longitudine Gauss-Boaga 2408268,0
Latitudine WGS-84 45° 52' 32,3622" (45,87565618)
Longitudine WGS-84 13° 33' 36,6611" (13,56018364)
Latitudine UTM WGS-84 5081240,1
Longitudine UTM WGS-84 388262,6
Quota ingresso 150
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 6.3
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 6
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 10.8
Dislivello totale 10.8
Quota fondo 139.2
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Per raggiungere la grotta si deve partire dalle ultime case a Sud dell'abitato di Cotici Inferiore imboccando la vecchia strada che porta a Devetachi, lungo la quale corre il confine fra i due comuni di Savogna d'Isonzo e Doberdò del Lago; percorsi circa 150m, si raggiunge il primo bivio e prendendo il sentiero a sinistra, dopo circa 50m, si incontra il secondo bivio dal quale, percorrendo la mulattiera in discesa a destra si giunge dopo pochi metri al trasformatore; da qui, uscendo dal sentiero a destra ci si deve inoltrare per circa 25m in un boschetto nel quale, tra alcune rocce, si apre l'ingresso del pozzo.
Descrizione dei vani interni della cavità Una stretta apertura dà accesso al primo pozzo, al cui fondo vi sono notevoli quantità di detriti, ossa e medicinali avariati. Immediatamente sotto l'imbocco una breve e tortuosa galleria molto stretta dà adito ad un altro pozzo, concrezionato; i due pozzi sono paralleli e sono separati da uno stretto diaframma che in un punto prossimo alla superficie lascia aperta una strettissima fessura; alla base del pozzo d'accesso un cunicolo, ora ostruito, costituiva un'altra comunicazione tra i due pozzi.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 23-05-1963